Circolare 2/2015
Circolari 2 anni fa

PROGRAMMA CULTURALE E SOCIALE

estate/autunno 2015

 

  • Le Conversazioni APR
  • Mercoledì 26 ottobre Luca Mana in Due inediti rilievi romani nelle collezioni di Palazzo Reale

Appuntamento alle ore 17,30 presso la Sede APR

 

  • Alla scoperta del Castello di Monticello dAlba, domenica 14 giugno

 

Il Castello di Monticello d’Alba, è una delle più imponenti e meglio conservate costruzioni medievali della zona, grazie anche al fatto che dal 1372 ad oggi è di proprietà della stessa famiglia, i Roero di Monticello che ne hanno fatto la loro abituale residenza.Dopo la pausa pranzo ci sposteremo a Alba, dove visiteremo il nuovo Museo del Tesoro della Cattedrale.

Ritrovo: ore 8 nel piazzale di Torino Esposizioni. Rientro previsto per le ore 19 circa

Iscrizioni aperte

 

  • Alla scoperta del MEF, Museo Ettore Fico, giovedì 18 giugno

 

Una visita ad una nuova realtà torinese, il MEF, ed alle mostre in programma “Plastic Days”, “Jacques Henri Lartigue”, “Anita Molinero” e “DAB”..

Il Museo Ettore Fico si trova in una zona urbana denominata Spina 4, attualmente al centro di un vasto programma di riqualificazionedi un’area industriale dismessa. Prossimo ai Docks Dora, sede di innumerevoli studi d’artista, il MEF si inserisce in un contesto sociale di grande interesse e di notevole vivacità multietnica. Alcune gallerie d’arte contemporanea hanno spostato la loro sede nella stessa area; nuovi laboratori artistici e musicali hanno trovato nel quartiere una collocazione ideale per la sperimentazione e per la ricerca. Al termine un gradito apericena allinterno della struttura.

Ritrovo: alla biglietteria del MEF, via Cigna 114, ore 18,45

Iscrizioni aperte

 

  • Appuntamento APR di mezza estate:“Tamara de Lempicka e la moda dagli anni 20 agli anni 40 del 1900”, sabato 25 luglio    

 

Un appuntamento estivo straordinario, che è diventato da qualche anno a questa parte un momento di incontro sereno e conviviale tra gli Amici di Palazzo Reale rimasti a Torino. Guidati dallo storico dell’arte Gian Luca Bovenzi andremo a visitare la mostra Tamara de Lempicka, una delle più importanti figure artistiche del Novecento, che approfondiremo dal punto di vista della “Moda dagli anni 20 agli anni 40 del 1900”. L’esposizione ospitata nelle sale di Palazzo Chiablese, storica residenza dei principi di Savoia, raccoglie oltre 80 opere che raccontano il percorso artistico della pittrice polacca, dalle prime opere dell’infanzia alle illustrazioni per le case di moda, passando per l’art decò, della quale è stata una delle principali esponenti.

A seguire un ricco apericena presso la caffetteria di Palazzo Reale

Ritrovo:  22 luglioore 16,15 presso la biglietteria di Palazzo Chiablese, Piazzetta Reale

Iscrizioni aperte

  • Expo Milano 2015, Nutrire il pianeta, energia per la vita: giovedì 10 e sabato 19 settembre

 

Guidati dall’arch. Stefano Vellano della SIAT (Società Ingegneri Architetti Torino), andremo a visitare Expo Milano 2015, l’Esposizione Universale che l’Italia ospita, il più grande evento mai realizzato sull’alimentazione e la nutrizione. Milano per sei mesi è diventata una vetrina mondiale in cui i Paesi mostrano il meglio delle proprie tecnologie per dare una risposta concreta a un’esigenza vitale: riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli, nel rispetto del Pianeta e dei suoi equilibri. L’architetto Vellano farà un focus sulle nuove architetture e sugli architetti coinvolti nel progetto, sui vari padiglioni internazionali, che poi potremo liberamente visitare.

 

N.B. All’atto della prenotazione i soci dovranno fornire i seguenti dati: nome e cognome, data di nascita come da documento di identità, che dovrà essere portato con sé per eventuali controlli.

Ritrovo: ore 8 nel piazzale di Torino Esposizione. Rientro: ore 20 circa

Iscrizioni aperte

 

  • Grattacielo Intesa San Paolo di Renzo Piano: data in via in definizione

 

La data e le modalità di effettuazione della visita saranno comunicati ai Soci pre-iscritti tramite posta elettronica.

 

  • Sulle tracce di Vauban, un itinerario di studio a Briancon e Mont Dauphin, domenica 13 settembre

 

Come ripresa delle attività sociali e culturali dell’autunno APR andremo a visitare i forti di Briancon e Mont Dauphin, costruiti nella seconda metà del XVII secolo, su progetto del grande architetto Vauban, militare di Luigi XIV.

Tre secoli fa moriva a Parigi Sébastien Le Prestre marchese di Vauban, maresciallo di Francia, uno degli ingegneri militari più famosi d’Europa, artefice per Luigi XIV, il Re Sole, del più importante sistema difensivo del regno. Attraversò la Francia in lungo e in largo, scelse i posti giusti e costruì lungo i confini 150 fra piazzeforti e città fortificate, partecipando, a più di cinquanta assedi. A Mont Dauphin, Vauban creò dal niente una straordinaria piazzaforte sul rilievo che domina la confluenza tra il Guil e la Durance. Dopo di che, tappa a Briançon, la «cité Vauban» per definizione, capolavoro delle fortificazioni di montagna, dove l’ingegnere del re progettò di costruire, all’intersezione di cinque valli disposte a stella, fortezze che dominassero dall’alto. Una catena di forti che venne continuata sino a fine ’800, rendendo la città una chiave di volta del sistema difensivo delle Alpi.

Ritrovo: ore 8 nel piazzale di Torino Esposizione. Rientro: ore 20 circa

Iscrizioni aperte

 

  • La Nuova Galleria Sabauda, Principesse e Principi sabaudi, 22 settembre

 

Un nuovo e quarto straordinario appuntamento alla nuova Galleria Sabauda, guidati dallo storico dell’arte che questa volta ci intratterrà sul tema dei Principesse e Principi sabaudi, raffigurati nei quadri della Pinacoteca. Un mondo di gesti, pose e simboli, che oggi appaiono marginali, ma che un tempo erano immediatamente comprensibili da chi si muoveva nel magico mondo delle corti.

Ritrovo:  martedì 14 aprileore 15,15 presso la biglietteria di Palazzo Reale, piazzetta Reale 1

Iscrizioni aperte

 

  • Per gli Itinerari di studio APR, Praga, 23-27 settembre

 

Un nuovo entusiasmante itinerario di studio APR, che ci porterà a Praga, una delle ultime capitali non ancora toccate da APR,  una “Città Magica” posata al centro dell’Europa, un incantesimo che sicuramente entrerà nei nostri cuori. Entreremo nel cuore della città per ammirare il castello Hradcany, il castello Lobkowicz, Mala Strana,unpiccolo gioiello con piazzette, splendidi palazzi e angoli romantici. il Ponte Carlo, piazza Vecchia ed il quartiere ebraico…Ma non solo: ci avventureremo anche fuori Praga per conoscere la splendida e pittoresca cittadina di Cesky Krumlov(vi ricordate Chinchon?), il castello rinascimentale di Melnik , dove in passato sono vissute 23 principesse e regine boeme, che domina la confluenza dei fiumi Elba e Moldava e il castello di Nelahozeves,  che appartiene alla famiglia Lobkowicz..

Iscrizioni – con versamento dell’acconto – presso la TravelQuick, via Vela 33, tel. 011 4546268 a partire dal 27 maggio

 

  • Bergamo e le Sagrestie di Alzano Lombardo, domenica 4 ottobre

 

Guidati dallo storico dell’arte andremo a visitare Bergamo alta al mattino e le Sagrestie dei Fantoni ad Alzano Lombardo dopo la pausa pranzo.

Dalla Piazza Vecchia alla Cappella Colleoni, dalla Basilica romanica di Santa Maria Maggiore a Colle Aperto, il punto più panoramico. Piazza Vecchia è il cuore più antico della città, è “una delle piazze più affascinanti al mondo”,formata in seguito alla demolizione di case e botteghe medievali, è uno spazio rinascimentale con al centro la fontana donata nel 1780 dal podestà Contarini. Ai lati racchiude edifici storici come il Palazzo del Podestà, il Palazzo della Ragione, che risale al secolo XII ma fu ricostruito nel Quattro-Cinquecento con il leone di San Marco, a testimonianza della dominazione della Serenissima. Su tutti spicca l’imponente Torre medievale del Comune che ancora oggi, alle 10 di sera, fa sentire i suoi 100 rintocchi, in ricordo di quando venivano chiuse le porte della città. Le Sagrestie di Alzano Lombardo sono una sezione del Museo d’Arte Sacra San Martino, situato nel comune di Alzano Lombardo in val Seriana, nella provincia di Bergamo.Inserite nel corpo strutturale della basilica di San Martino, chiesa parrocchiale del paese, raccolgono una serie di sculture, intarsi, stucchi ed affreschi risalenti al XVII secolo dei migliori esponenti del barocco lombardo.

Ritrovo: ore 8 nel piazzale di Torino Esposizione. Rientro previsto per le ore 20 circa

Iscrizioni aperte

 

  • Milano, Mostra “Giotto, l’Italia da Assisi a Milano” e Vigna Leonardo, Casa degli Atellani, 20 e 30 ottobre 2015

Guidati da Luca Mana andremo a visitare la Casa degli Atellani e la Vigna di Leonardo, un’apertura straordinaria in occasione di Expo.

A seguire a Palazzo Reale la visita alla Mostra di Giotto

Ritrovo e partenza: ore 8 nel piazzale di Torino Esposizioni. Rientro previsto per le ore 19,30 circa

Iscrizioni aperte

 

Reggia di Venaria,“Il Sole delle Arti. Raffaello”, giovedì 22 ottobre

 

Guidati dagli storici dell’arte Luca Mana e Gian Luca Bovenzi andremo alla Reggia di Venaria a visitare la Mostra“Il sole delle arti. Raffaello”.

Il fulcro della mostra è costituito da un nucleo di celebri capolavori di Raffaello, che evocano il racconto della sua prodigiosa carriera artistica, le persone che ha conosciuto, le diverse città dove ha vissuto. A documentare gli anni della sua formazione è una scelta di opere dei maestri che hanno avuto un ruolo fondamentale, vale a dire il padre Giovanni Santi, il Perugino, il Pinturicchio e Luca Signorelli.La mostra intende accostarsi alla geniale personalità di Raffaello anche da un punto di vista inconsueto e imprevedibile, vale a dire illustrando il suo impegno creativo verso le cosiddette “arti applicate”, che tradussero nelle rispettive tecniche suoi cartoni e disegni nonché incisioni tratte dalla sua opera, e che nel corso del Cinque e Seicento costituirono il veicolo privilegiato per la diffusione e la conoscenza in Italia e nel resto d’Europa delle invenzioni figurative dell’Urbinate: arazzi, maioliche, monete, cristalli di rocca, placchette, smalti, vetri, armature, intagli.

Ritrovo (con mezzi propri)ore 15 in via Mensa davanti alla biglietteria

Iscrizioni aperte

 

  • Alla scoperta del Ducato di Parma, 7 e 8 novembre

 

Un nuovo breve, ma intenso itinerario di studio APR alla scoperta di Parma, Soragna, Torchiara e Reggio Emilia con Luca Mana.

La Rocca Meli Lupi di Soragna è la splendida e fastosa residenza dei Principi Meli Lupi che ancor oggi la abitano. La Rocca conserva decorazioni a fresco e cicli pittorici di Nicola dell’Abate, Cesare Baglione, Ferdinando e Francesco Galli Bibiena..La Rocca, voluta dai feudatari di Soragna, i marchesi Bonifacio ed Antonio Lupi, nel 1385, viene trasformata nel secolo XVII in splendida e fastosa residenza dei Principi Meli Lupi.. Torchiara Il Castello di Torrechiara -la fortezza dal cuore affrescato.venne costruita tra il 1448 e il 1460 dal Magnifico Pier Maria Rossi ed è un esempio tra i più significativi e meglio conservati di architettura castellare italiana. All’interno del Castello straordinaria la “Camera d’Oro“, attribuita a Benedetto Bembo. Da notare la ricchezza degli affreschi a ‘grottesche’ di Cesare Baglione. Il Castello di Torrechiara fu costruito tra il 1448 e il 1460 dal Magnifico Pier Maria Rossi: la sua funzione difensiva è attestata da tre cerchia di mura e da quattro torri angolari, la destinazione residenziale provata dalla ricchezza degli affreschi a ‘grottesche’ di Cesare Baglione. Straordinaria la “Camera d’Oro”, attribuita a Benedetto Bembo, per celebrare, ad un tempo, la delicata storia d’amore tra Pier Maria e Bianca Pellegrini e la potenza del casato attraverso la raffigurazione di tutti i castelli del feudo. A  Parma visiteremo la Pilotta, il palazzo del Giardino, chiamato anche Palazzo Ducale del Giardino, un palazzo storico che si trova all’interno del Parco Ducale. Palazzo Ducale, armoniosamente circondato dalla verde cornice del Parco Ducale, l’imponente palazzo voluto da Ottavio Farnese nel 1561 e costruito su progetto del Vignola, spicca con il suo tipico “giallo Parma” per imponenza e bellezza .L’aspetto attuale però è frutto di vari rifacimenti ad opera sia del Bibiena che, nel 1767, di Ennemond Petitot.

Informazioni, programma ed iscrizioni – con versamento della quota – presso la TravelQuick, via Vela 33, tel. 011 4546268 a partire dal 27 maggio

 

  • Il nuovo Museo Egizio,  12 novembre 

Guidati da un egittologo, andremo a visitare il nuovo Museo Egizio, completamento rinato sia negli spazi espositivi sia nell’allestimento dopo i recenti restauri.

Il Museo Egizio di Torino è, come quello del Cairo, dedicato esclusivamente all’arte e alla cultura dell’Egitto antico. Il Museo Egizio (propriamente Museo delle Antichità Egizie) è costituito da un insieme di collezioni che si sono sovrapposte nel tempo, alle quali si devono aggiungere i ritrovamenti effettuati a seguito degli scavi condotti in Egitto dalla Missione Archeologica Italiana tra il 1900 e il 1935. In quell’epoca vigeva il criterio secondo cui i reperti archeologici erano ripartiti fra l’Egitto e le missioni archeologiche. Il criterio attuale prevede che i reperti rimangano all’Egitto.

Ritrovo: ore  15,45 presso la biglietteria del Museo Egizio, via Accademia delle Scienze, 5

Iscrizioni aperte

 

  • Fondazione Accorsi, Il Divisionismo tra Segantini a Balla, giovedì 26  novembre

 

La mostra, intende esplorare attraverso quaranta opere, selezionate secondo un elevato criterio qualitativo e storico, i percorsi del Divisionismo partendo dall’epicentro della pittura divisa italiana: il Piemonte e la Lombardia. I dipinti esposti prendono cronologicamente le mosse dai tardi anni Ottanta del secolo XIX e disegnano la storia del Divisionismo di area piemontese e lombarda a partire dai suoi esordi fino a tutto il primo decennio del secolo XX. All’ingresso del secolo nuovo, accanto ai maestri ormai storicizzati, si affiancano pittori di più giovane generazione: i futuri Futuristi, come Carlo Carrà, Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Leonardo Dudreville, promettenti autori legati per nascita o per formazione alla storia artistica piemontese e lombarda del tempo. L’esposizione conduce il cammino del Divisionismo fino alle soglie del Futurismo, chiudendo cronologicamente l’indagine sulla poetica dei giovani divisionisti al 1910.

Ritrovo: giovedì 26 ore 15,45 alla Fondazione Accorsi, via Po 55.

Iscrizioni aperte

 

 

  • Premiazione dei volontari e apericena di Natale, lunedì 21 dicembre

 

Incominciate a segnarvi la data sull’agenda, ne riparleremo più avanti!

 

Un cordiale saluto                                                                                                                  Maria Elena Stantero Gindro

                                                                                                                             Vice Presidente dell’Associazione “Amici di Palazzo Reale”

                                                                                                                                           vicepresidenza@amicipalazzoreale.it

 

INFO APR

Siti internet: www.amicipalazzoreale.it / E-mail: segreteria@amicipalazzoreale.it

STAFF SEGRETERIA APR:ALESSANDRO ARMAND tel. 342 3327004 (Coordinatore Volontari)

CARLA GIACONEtel. 342 3330075 /MARIAGRAZIA DELLERAtel. 345 1497328 /MARIA LIA VETTORI  tel. 345 8702775 /ADRIANA VIOLAtel. 345 2325991 /ANITA BATTILOCCHI tel. 342 3319082

————————–

I viaggi e gli itinerari di studio APR sono  organizzati con la collaborazione della

TravelQUICK, Via Vela 33 Torino  / tel. 011 45.46.268 / e-mail: roberto@travelquick.it

Le condizioni relative all’organizzazione tecnica degli Itinerari APR sono a cura dell’Agenzia viaggi TravelQuick.
APR cura i contenuti culturali relativi alla meta del viaggio.